Mutui 100 per cento prima casa 2021: quali banche scegliere?

Indicazioni per richiedere un mutuo al 100% sulla prima casa nel 2021

Se stai cercando un mutuo 100 per cento nel 2021, sei capitato nel posto giusto. Leggendo questo articolo avrai a disposizione tutte le soluzioni per ottenere il miglior mutuo al 100% con cui acquistare la casa che sogni da tempo. Come è noto, tuttavia, non è semplice reperire dal mercato offerte di mutui al 100%. Quali banche offrono attualmente questa tipologia di finanziamento? conviene davvero? Queste sono le domande che i nostri lettori ci pongono di frequente, e per cui abbiamo deciso di gettare le basi per una guida completa alla richiesta di un mutuo cento per cento.

Parlare di mutui 100 per cento prima casa nel 2021 significa parlare di tassi d’interesse elevati e andare incontro, in generale, ad una maggiore guarentigia richiesta dalle banche. Questo perché l’economia vive da tempo una forte crisi che ha messo a dura prova il sistema dei finanziamenti. Sempre più persone procedono a surrogazioni o sospensioni delle rate del mutuo, proprio perché troppo onerosi o perché le condizioni economiche momentanee non sono delle migliori.
In quest’ottica, il mutuo cento per cento si prefigura, rispetto ad altri finanziamenti, come l’opportunità per ottenere un mutuo senza l’anticipo iniziale. Ecco perché, ad esempio, piuttosto in voga sono i mutui giovani 100%.

Tirando le somme, il nostro obiettivo è guidarvi dapprima nell’argomento districato che i mutui cento per cento rappresentano nel contesto finanziario, fornendovi informazioni su banche e consigli tecnici che sappiano orientarvi facilmente verso la scelta. Sarà, dunque, nostro piacere aiutare il lettore con informazioni oneste e imparziali, ma anche ad ottenere il mutuo che sta cercando e al minor costo possibile.

Mutuo 100 per cento prima casa

Il mutuo 100% è un mutuo pari al valore dell’immobile da acquistare. Questo significa, in breve, che il mutuatario ottiene dalla banca un prestito totale e che non deve versare l’anticipo iniziale. Considerando che le banche erogano normalmente un mutuo all’80% del loan to value – LTV, questo anticipo iniziale corrisponderebbe generalmente ad un 20%. E per molti richiedenti, più dei tassi d’interesse, è proprio la caparra del mutuo a costituire il problema.

Da qui i mutui 100: mutui che, eliminando lo scoglio iniziale dell’anticipo, sono costituiti da uno spread decisamente più alto. Perché allora richiedere mutui 100 per cento prima casa?
Nel 2021, le offerte di mutuo al cento per cento non sono tantissime, e il perché è presto detto: le persone hanno difficoltà a pagare le rate del mutuo; e più alto è il prestito, e maggiore è il rischio e il costo per le banche. Seppur in misura ridotta, alcuni istituti del credito propongo offerte di mutui 100 per cento prima casa anche nel 2021, anno che, purtroppo, come ben sappiamo, non passerà alla storia soltanto per la crisi economica. Questo perché, più dei tassi d’interesse, per alcune persone è la liquidità iniziale ad impedire l’ottenimento del mutuo. Bene, ma come ottenere un mutuo 100% per acquistare la prima casa? 

Esistono due strade percorribili per richiedere un mutuo per intero. La prima strada, è trovare una banca che con i suoi prodotti finanzia un mutuo al 100%; la seconda, invece, è trovare un mutuo al 100% garantito dal fondo Consap. Spesso e volentieri, quest’ultima coincide con la dicitura mutui giovani al 100%, e ad essa dedicheremo il prossimo paragrafo. Concentriamoci, perciò, su come ottenere un mutuo 100% senza necessariamente rientrare tra i beneficiari del fondo garanzia. 

Il primo passo consiste dapprima nel soddisfare determinati requisiti, quali:

  • dimostrazione di un reddito buono e stabile, con preferenza per nuclei familiari con due redditi;
  • avere meno di 40 anni;
  • non risultare come cattivo pagatore;
  • iscrivere l’immobile ad ipoteca a favore dell’istituto erogante.

Il secondo passo, invece, consiste nel trovare oggi la banca migliore per ottenere un mutuo 100%. Col nostro aiuto, inoltre, potrete sorvolare il mare magnum delle offerte pubblicitarie e andare dritti verso il mutuo che state cercando, senza muovere un passo e in modo gratuito.

Mutui giovani 100%: richiesta e requisiti

Quando si parla di mutui giovani 100% molto probabilmente si sta facendo riferimento ai mutui in convenzione Consap. Il Consap è una società che lavora con il Ministero dell’economia e delle finanze. In ambito finanziario, essa assicura un fondo statale che fa da garanzia a giovani e soggetti critici che, dal punto di vista del fisco, non hanno garanzie sufficienti per richiedere un mutuo, le quali elencheremo a breve.
Tale garanzia statale è conosciuta come “Fondo prima casa” e garantisce una copertura al 50% della quota capitale del mutuo. Per tutti i tipi di immobili? no. Per ottenere il fondo statale, il mutuo deve essere innanzitutto finalizzato alla prima casa; secondo poi, la garanzia è rivolta solamente ad immobili:

  • dell’importo massimo di 250 mila euro;
  • risultante come prima casa;
  • da acquistare o ristrutturare ma sempre adibito a prima abitazione;
  • che non rientra in categoria “di lusso” A1, A8 e A9.

Abbiamo parlato di giovani e soggetti con criticità dal punto di vista finanziario. Tali persone Consap li definisce “soggetti prioritari”, ossia soggetti che, in base a dei criteri ben precisi, hanno la precedenza nella richiesta del fondo. Questi soggetti sono:

  • giovani under 35 con contratto di lavoro atipico;mutui giovani 100%
  • giovani coppie costituitesi da almeno due anni e con almeno un membro under 35;
  • conduttori di case popolari;
  • Isee inferiore a 30 mila euro;
  • famiglie monogenitoriali con figli a carico.

Per fare richiesta è sufficiente recarsi allo sportello bancario e compilare il modulo specifico per richiedere la garanzia statale. Il Consap, ricevuto il modulo dalla banca, s’incarica di verificare la richiesta in base al sistema di valutazione sopra descritto, e di fornire una risposta. E talvolta può arrivare anche entro due mesi. Ma se la concessionaria accetta la richiesta, la banca accende il mutuo senza altre garanzie.
Ad oggi si contano circa 215 banche aderenti al Fondo. Non sai quali banche collaborano con Consap? se pensi di rientrare tra i beneficiari della garanzia, scopri con noi e gratuitamente dove richiedere il tuo mutuo 100% con Consap.

Mutui al 100%: quali banche scegliere?

In rete si incappa facilmente in un mare di proposte per mutui al 100% nel 2021 che poi, spesso, potrebbero non risultare davvero aggiornate. Vogliamo restituire una risposta pragmatica alla classica domanda sui mutui al 100%: quali banche consentono questo mutuo oggi? Ve le indichiamo qui di seguito.

Mutuo Intesa San Paolo 100%

Il Mutuo Domus Fisso di Intesa San Paolo, aderente al fondo Consap, è il mutuo per i giovani fino al 100% del valore dell’immobile e, in generale, con altre possibilità per ottenere il prestito oltre l’80%. Si tratta di un mutuo erogabile per un minimo di 30.000 euro fino ad un massimo di 300.000 euro, e questi sono i tassi calcolati sugli LTV:

MUTUO 80%-95% – TASSO FISSO

  • fino a 10 anni: 1,80% 
  • fino a 15 anni: 1,90% 
  • fino a 20 anni: 2,05% 
  • fino a 25 anni: 2,20% 
  • fino a 30 anni: 2,25% 

MUTUO 100% – TASSO FISSO (giovani)

  • fino a 10 anni: 1,80% 
  • fino a 15 anni: 1,90% 
  • fino a 20 anni: 2,05% 
  • fino a 25 anni: 2,20% 
  • fino a 30 anni: 2,25% 
  • fino a 35 anni: 2,35%
  • durate superiore a 35 anni: 2,40%

Mutuo Monte Paschi di Siena 100%

L’offerta Monte Paschi è invece il Mutuo Mps Mio Acquisto Abitazione Consap che, come suggerisce già il nome, consente un mutuo al cento per cento in convenzione Consap per acquistare la prima casa. Ecco di seguito l’LTV al 100% di Mps.

MUTUO 100% – TASSO FISSO

  • durata 10 anni: 3,10% 
  • durata 15 anni: 3,20% 
  • durata 20 anni: 3,30% 
  • durata 25 anni: 3,30% 
  • durata 30 anni: 3,30%

MUTUO 100% – TASSO VARIABILE

  • durata 10 anni: 2,70% 
  • durata 15 anni: 2,85% 
  • durata 20 anni: 2,95% 
  • durata 25 anni: 2,95% 
  • durata 30 anni: 2,95%

Vorresti scoprire a quanto ammonterebbe la tua rata? personalizza il tuo preventivo in modo semplice e gratuito.

Come risulterà evidente, richiedere un mutuo al 100% del valore immobile significa andare incontro ad uno spread decisamente più alto. Il motivo, come già anticipato, è che le banche, con l’aumentare dei rischi che tale mutuo comporterebbe, aumenta le garanzie.
Conviene richiedere un mutuo al 100% bypassando la liquidità iniziale o, al contrario, non è la soluzione che fa al mio caso? scoprilo subito e in autonomia compilando un semplice modulo.
Il nostro portale offre l’opportunità unica di una prima consulenza gratuita che ha già aiutato molti lettori ad orientarsi in questo dilemma. In fondo, è sempre meglio una precauzione gratuita oggi, che una difficoltà domani. Perciò, se hai bisogno, descrivi liberamente la tua situazione nel modulo e scopri gratuitamente qual è la soluzione giusta per te. In alternativa, abbiamo ancora in serbo una soluzione da proporti per ottenere mutui 100 per cento prima casa nel 2021.

Mutuo 100% su valore di perizia immobile

Per tutti i non beneficiari della garanzia Consap: esiste un modo per ottenere un mutuo al 100 %, ma più chemutui 100 per cento prima casa 2021 un’offerta di mutuo, si tratta di una strategia che, se consentita dalla banca, potrebbe aiutarvi ad ottenere un mutuo oltre l’80% del valore. Come? con il mutuo calcolato sul valore di perizia. Per far capire in maniera semplice e diretta al lettore di cosa stiamo parlando, riassumiamo brevemente che cos’è il valore immobile e perché la perizia è così importante anche per il mutuatario, e non solo per le banche, nella richiesta di un mutuo.

Sarà senz’altro capitato, durante la ricerca di un mutuo, di leggere “mutuo all’80% del minore tra prezzo di acquisto e valore di perizia”. Questa dicitura non significa altro che la banca, nel decretare a quanto ammonterà il prestito che farà al mutuatario, sceglierà la cifra minore tra il prezzo originario dell’acquisto di quell’immobile e il prezzo stabilito dalla perizia. Infatti, la banca manda di default un perito di fiducia a valutare la casa, il quale, sostanzialmente, dirà se il valore di quell’immobile corrisponde davvero al prezzo d’acquisto scritto sulle carte o se vale meno. In altre parole, la banca cerca di fiutare la cifra minore, e quella andrà a costituire l’importo del mutuo. In un esempio: se il prezzo della casa è 150.000 euro ma la perizia bancaria la rivaluta 120.000, il mutuo sarà all’80% di 120.000; appunto, la cifra minore.

Cosa succederebbe, invece, se la banca offrisse un mutuo all’80% sul solo valore di perizia? si presenterebbe al mutuatario la possibilità di richiedere sulle carte un mutuo all’80% ma, in concreto, di ottenere un mutuo finanche al 100 per cento.
Se, infatti, il mutuo è calcolato sulla sola perizia, e si è sicuri che la casa valga di più rispetto al prezzo d’acquisto, il mutuatario può giocare d’anticipo e fare una pre-perizia che sopravvaluti l’immobile. Così facendo, otterrà una liquidità maggiore rispetto a quella prevista dal prezzo d’acquisto, con il mutuo all’80%.  Pertanto, vi presentiamo qui di seguito le banche che consentono questa tipologia di mutuo.

CRÉDIT AGRICOLE

Crédit Agricole, con il Mutuo Base Tasso Fisso, dà la possibilità di richiedere un mutuo all’80% sul valore di perizia. Tale finanziamento è pensato per un importo minimo di 30.000 euro e restituibile con un piano di rimborso tra i 10-30 anni. Il tasso d’interesse per questo mutuo è:

  • fino a 10 anni: 0,85% 
  • fino a 15 anni: 0,93%
  • fino a 20 anni: 0,96% 
  • fino a 25 anni: 1,17% 
  • da 26 a 30 anni: 1,93% 

CREDEM

Il Credem Fisso è prodotto in casa Credem per un mutuo all’80% del valore di perizia. L’importo minimo, per questo mutuo con finalità acquisto prima e seconda casa, è di 50.000 euro, mentre il piano di rimborso è estendibile da 10 a 30 anni. Il suo LTV calcolato all’80% è il seguente:

  • fino a 20 anni: 0,98% 
  • oltre 20 anni: 1,18%

UNICREDIT

Mutuo Tasso Fisso Surroga Gold è, invece, la soluzione Unicredit per un mutuo all’80% sul valore di perizia ma con finalità surroga. Questo finanziamento parte da un valore minimo pari a 30.000 euro, restituibile con un piano rateale da 5 a 30 anni. Questo è il suo loan to value all’80%:

  • fino a 10 anni: tasso finito 0,95%
  • da 11-20 anni: tasso finito 1,10% 
  • da 21-30 anni: tasso finito 1,30%

Dalla teoria alla pratica: è così semplice attuare questo escamotage ed ottenere così un mutuo al 100%? ovviamente, seppur possibile, non è semplice come uno schiocco di dita. Ma parte della difficoltà, oltre alle volontà bancarie, sta tutta nella situazione del richiedente.
Il decretare se un mutuo è semplice o conveniente non può essere figlio di generalizzazioni, perché la verità è che una cosa che funziona per una data persona, potrebbe non funzionare per un’altra.
Dato che siamo giunti al termine di questo approfondimento esaurendo tutte le soluzioni base possibili per ottenere ciò che stai cercando, cosa aspetti a scoprire quale soluzione è meglio per te?  I nostri utenti lo sanno bene: non ci piace lasciarli con le mani in mano. E se non è così semplice decretare seduta stante se un mutuo conviene oppure no con uno schiocco di dita, è invece semplice come un clic ottenere una risposta concreta su come muoversi per non sprecare altro tempo e soldi. Descrivici la tua situazione e ricevi un primo consulto gratuito sul tuo mutuo: senza impegno e in maniera smart, compila il modulo di richiesta sul nostro portale, senza tralasciare dettagli della tua situazione: sono proprio loro il punto di partenza per una strategia di successo.


Speriamo di aver fornito a tutti i nostri utenti la giusta ispirazione per conoscere e richiedere mutui 100 per cento prima casa. Il 2021, certamente, non sarà ricordato come un anno facile, ma per fortuna – e con una buona dose di speranza – si può sempre cercare una soluzione per uscire dalle difficoltà.
Dal nostro punto di vista la soluzione migliore per i mutui è quella studiata in partenza e che, a fronte della miriade di sfide che la vita e il mercato potrebbero imporre, possa mantenersi salda per tutta la durata del mutuo, senza vacillare. Per questo ci teniamo che i nostri lettori non solo ricavino ciò che desiderano, ma ciò che è giusto per loro.
L’esperienza con i consulenti ci continua a dimostrare che questa tesi è quella vincente, e che i lettori più arditi, pronti a sperimentare gli strumenti a disposizione, riescono così ad ottenere il successo, che in un modo o nell’altro cercano: il risparmio.
Tutti vogliamo risparmiare sul nostro mutuo perché è un impegno oneroso, e perché è il fondamento della casa in cui abitiamo o in cui sogniamo abitare. Il modo migliore per risparmiare è misurare il proprio mutuo con una strategia analitica mirata al risparmio sul lungo tempo, oltre che ad essere costantemente informati con un occhio sempre aperto sulle novità. Sul nostro portale, puoi assaggiare in ogni momento l’utilità della consulenza con una prima prova gratuita: ricordati di compilare il form e di dirci chiaramente cosa vuoi ottenere, e in breve tempo otterrai una riposta gratuitamente.

Noi di simulatorimutuo vi salutiamo, qui sperando che questa guida sia il vostro strumento per ottenere il mutuo che state cercando. Mutui giovani 100% o mutui 100 per cento prima casa: il 2021 è iniziato con qualche difficoltà di partenza, ma con la giusta mossa si può ancora ottenere il mutuo fatto apposta per te. Come sempre lasciamo aperto l’invito ai lettori di scriverci per qualsiasi dubbio o curiosità. È nostro il piacere di potervi aiutare, cercando di rispondere e fornire a tutti ulteriori informazioni. Per tutto il resto, non esitate a lasciare un commento sotto l’articolo per condividere opinioni, dubbi ed esperienze. A presto!

Condividi questo articolo:

Mutui 100 per cento prima casa 2021: quali banche scegliere?

mutuo ipotecario per liquidità