Mutuo con busta paga da 1000 euro: simulazione, rata e massimale

Informazioni e caratteristiche per un mutuo con busta paga da 1000€

Un mutuo con busta paga da 1000 euro è già una realtà per molti. Parliamoci chiaro: oggigiorno è davvero difficile assicurarsi un contratto lavorativo come l’indeterminato, e anche ad averlo, non è detto che ciò sia valutato sufficiente dalle banche affinché venga concesso il mutuo. A concorrere, infatti, sono diversi fattori che determinano un mutuo fattibile o meno; e uno di questo è certo il proprio stipendio.

In una stagione di crisi economica e lavorativa, certo non è un bel sistema di valutare. Considerando che i salari sono molto bassi, anche i contratti a tempo indeterminato sembrano quasi svalutarsi di fronte alla richiesta di mutuo. Ciononostante, anche a fronte di precariato e stipendi minimi, il mercato immobiliare e finanziario sembra non fermarsi e le persone, con le unghie e con i denti, richiedono il mutuo anche con una busta paga da 1000 euro. Ma la domanda a questo punto diventa un’altra: se un lavoratore si presenta in banca con uno stipendio da 900, 1000 euro e richiede un mutuo, quanto eroga la banca?

È un bel dilemma, perché l’acquisto della casa dipende proprio da quanto è disposta a concederci la banca per un mutuo con busta paga da mille euro. Proprio per questo, abbiamo pensato a questo articolo con cui non solo mostriamo esempi di mutui per stipendi da mille euro, ma forniamo consigli, opinioni e riflessioni su come ottenere un importo maggiore sebbene si abbia un basso stipendio, e come simulare il proprio mutuo.

Mutuo con busta paga da 1000€ indeterminato: quanto richiedere

La regola base e generale con cui le banche calcolano l’importo disposto ad erogare al cliente è il rapporto rata = 1/3 dello stipendio. Si tratta di un principio seguito da gran parte degli istituti bancari, che ovviamente resta a loro discrezione concedere più o meno rispetto a questa proporzione; ma, di base, se stai fantasticando su un immobile e vuoi calcolare il potenziale mutuo per comprarlo, puoi considerare l’ipotetica rata pari al 30% del tuo stipendio.Facciamo conto che hai un contratto a tempo indeterminato e il tuo stipendio è di circa mille euro mensili. Bene, in un mutuo con busta paga da 1000€ potresti ottenere fino a 110.000 con una rata tra i 300 e i 350€ al mese (e se sei under 36 forse qualcosina di più).

Occorre, però, fare una precisazione: questo valore fa riferimento a mille euro netti nello stipendio; ciò vuol dire che dal nostro calcolo abbiamo escluso qualsiasi altra uscita. Infatti, per conoscere il massimale del mutuo più vicino a quello reale, non è sufficiente basarsi solo sul 30% dello stipendio ma sulla percentuale “spendibile” del tuo stipendio. Per intenderci: dobbiamo calcolare il nostro stipendio sottraendo tutte le spese che se ne vanno via per le bollette, altri finanziamenti accesi, ad esempio, o per il nucleo familiare. Infatti, se guadagniamo mille euro ma a nostro carico abbiamo un figlio, dal nostro stipendio viene decurtato l’impegno economico per sostenere questa persona. Queste sono spese che vanno a diminuire la nostra percentuale di stipendio spendibile.

Sembrerebbe che la formula con cui le banche decidano quanto concedere sia: Rata massima = (R – Q) / (3 x F); dove R è il reddito annuo del richiedente, Q la quota annuale impegnata in altri finanziamenti o spese correlate allo stipendio, e F il numero delle rate che si vogliono pagare nel piano di rimborso. 

Dunque, prima di calcolare il tuo mutuo con una busta paga da 1000 euro è opportuno sottrarre subito le nostre spese dal calcolo, anche se ciò vuol dire vederlo diminuire di un 5, 10 o 15%. Bisogna essere pragmatici e arrivare dal consulente bancario preparati, senza crearci illusioni. Innanzitutto, perché la rata influisce sulla durata del mutuo e sul valore massimo che deve avere il nostro immobile che andremo a comprare. Secondo poi, bisogna arrivarci già con in mano diverse soluzioni pronte per riuscire ad ottenere un buon compromesso tra mutuo e casa.
Il fatto che tu abbia in mano un contratto a tempo indeterminato ti dà un grande vantaggio sull’ottenimento del mutuo; ma dobbiamo capire qual è il mutuo adatto ad una busta paga da 1000 mille euro. Vediamo innanzitutto quali sono le offerte in circolazione e facciamo un po’ di analisi.

Durata, tasso e interessi

Prima di darti numeri ed esempi concreti, facciamo qualche generalizzazione che possa aiutarti a capire che mutuo richiedere alla banca. Considerando uno stipendio attorno ai mille euro mensili, il ragionamento si sposta sulla durata e sul tasso d’interesse. Infatti, se l’offerta di mutuo presenta un basso tasso d’interesse “basso” è possibile ottenere un massimale maggiore del tuo mutuo. Allo stesso modo, se la banca consente una durata del mutuo abbastanza lunga, puoi raggiungere un importo più grande per acquistare la casa dei tuoi sogni.

Qui sotto trovate le offerte con i tassi d’interesse più bassi e che potete comunque personalizzare in ogni momento. Per analizzare questa situazione e capire quanto potrebbe costare e durare il mutuo con una busta paga da 1000 euro, abbiamo deciso di prendere in considerazione uno stipendio mensile da 1000 euro decurtato al 10%, e dunque pari a 900 euro. Questo perché è piuttosto realistico che una persona che guadagna mille euro con un indeterminato abbia già altri piccoli finanziamenti accesi o comunque non possa considerare 1000 euro netti come suo massimo spendibile mensile. 

Dunque, con circa 900 euro al mese avremmo di fronte a noi due scenari in cui ad influire molto è il fattore età. Come sappiamo, sono state introdotte delle agevolazioni interessanti per gli under 36 che consentono ai giovani di ottenere una copertura Consap fino all’80%; e ciò può influire sul valore finale della rata. Alla luce di tutto questo, facciamo due esempi per importo di 140.000 euro per un valore immobile di 180.000 euro.

MUTUO UNDER 36 CON STIPENDIO DA 1000 EURO
Intesa SanPaolo “Domus Fisso Giovani” TAEG %

2,68

Importo 140.000€ Durata 25 anni Rata €

741,86€

Crédit Agricole “Mutuo Giovani” TAEG 2,62% Importo: 140.000€ Durata 25 anni Rata 735,06€

L’immobile che vorresti acquistare costa meno? Dà un’occhiata tu stesso: personalizza il tuo esempio gratuitamente cliccando QUI.

MUTUO 80% CON STIPENDIO DA 1000 EURO
BNL “Mutuo Spensierato” TAEG 3,08% Importo: 160.000 € Durata 25 anni Rata 432,31€
AVVERA “Tasso fisso” TAEG 3,36% Importo: 160.000€ Durata 25 annianni Rata 887,36 €

Puoi personalizzare il tuo esempio cliccando QUI.

Come abbiamo visto, per i giovani è più semplice ottenere un importo maggiore che si aggira attorno ai 140 mila euro per uno stipendio a partire da 900 euro; e ciò è dovuto a tre fattori principali: l’importo che può superare l’80% del valore immobile con annessa garanzia Consap, il tasso d’interesse calmierato, e infine una maggiore durata del piano di rimborso (in alcuni casi anche 35-40 anni, come in Intesa SanPaolo). Ma per gli over 36 il discorso cambia: con uno stipendio da circa 900-1000 euro l’importo del mutuo può arrivare massimo sui 100-112.000 euro.

Simulazione e richiesta

Se hai individuato l’immobile dei tuoi sogni o che semplicemente ti sembra il giusto compromesso tra ciò che puoi permetterti e ciò che più ti piace, la prima cosa da fare è richiedere un preventivo di mutuo. Sebbene in molti sorvolino questo fattore, a nostro avviso è di primaria importanza sottolinearlo: quando si procede con la visita di un appartamento e si giunge alla decisione di acquistarlo, dando il via a compromessi e burocrazia varia, spesso ci si dimentica di quanto sia duro e tortuoso riceverel’ok dalla banca”. Le pratiche di mutuo sono lente e strazianti per molti richiedenti, soprattuto per quelli che hanno casa in pugno e hanno paura di perderla insieme ad anticipo, tempo e risorse. Per questo, la prima cosa da fare in assoluto una volta avvistato l’immobile è capire se possiamo permettercelo e quale banca è disposta a darci il mutuo (e quanto). 

Sappi che tutto questo – tempo, risorse, importi, tassi – è preventivabile grazie alla simulazione online e gratuita. C’è chi, giustamente, decide di affidarsi direttamente ad un broker per studiare la fattibilità del mutuo ed ottenerlo con più facilità; ed è giusto: per chi è disposto ad investire in un consulente finanziario, sicuramente la probabilità di portarsi a casa un mutuo aumenta. In fondo a questo articolo abbiamo riportato infatti alcune considerazioni ed esperienze raccolte qua e là di persone che spiegano come ce l’hanno fatta. E proprio sulla base della loro esperienza, se non vuoi ricorrere ad un broker, ti consigliamo vivamente di fare una simulazione di mutuo gratuita e, inserendo i tuoi dati, capire quali banche possono darti ciò che stai cercando. Ecco tutto quello che devi fare per simulare il mutuo con busta paga da 1000 euro e scaricare il miglior preventivo:

  1. Recati su un simulatore gratuito (puoi farlo da QUI).
  2. Inserisci: Importo, Valore Immobile, Durata, Età, Tasso, Finalità, Provincia, Stipendio.
  3. Seleziona le migliori offerte con il TAEG più basso.
  4. Procedi con la “verifica fattibilità”.
  5. Inserisci i tuoi dati e ottieni la fattibilità online.
  6. Se l’offerta ti convince, procedi con la richiesta bancaria.

Consiglio: nel nostro caso, stiamo cercando un mutuo con una busta paga da mille euro; il che vuol dire che la nostra rata, come abbiamo visto sopra, si può aggirare sui 300 o 400 euro. Se vuoi ottenere un importo più elevato è opportuno inserire nella ricerca una durata del mutuo maggiore.

Requisiti e documentazione

Per richiedere un mutuo è necessario avere 18 anni, essere residente in Italia e possedere un reddito mensile dimostrabile. Durante la richiesta, che a seconda della banca può avvenire online o in filiale, avrai bisogno di una documentazione che comprenda:

  • documenti anagrafici (carta d’identità e codice fiscale);
  • documenti reddituali (ultimo cedolino stipendio e modello CU, 730 o modello Unico, modulo F24, ultimo estratto conto)
  • documenti immobiliari. (compromesso, planimetria, certificato di abitabilità, atto di provenienza dell’immobile).

Esperienze e consigli su mutuo con 1000 euro al mese

In merito a quanto detto fin qui, vediamo alcune considerazioni personali di chi il mutuo con 1000 euro di stipendio lo ha ottenuto o lo sta richiedendo. Per i lettori alla ricerca di un importo tale da consentire l’acquisto della propria futura casa, crediamo sia molto utile leggere come è andata o come si stanno muovendo altre persone nella stessa situazione. 

Tra le persone in fase di richiesta, un primo esempio viene da una coppia under 36 in fase di ricerca del mutuo, con ISEE inferiore a 4mila euro, che dunque ha diritto alle agevolazioni. Gli stipendi sono uno a tempo indeterminato part time da 900 euro e l’altro a tempo determinato full time da 1200 euro. Non risultano conviventi, nessun figlio a carico e l’unica spesa che può decurtare lo stipendio è un prestito da circa 200 euro mensili. Le due alternative da valutare sono il un mutuo cointestato erogato all’80% del valore immobile o richiesta tramite copertura Consap. Un secondo esempio è quello di un ragazzo il cui guadagno netto è pari ad 860 euro mensili che sta valutando l’offerta di WeBank con un mutuo a 30 anni.

Tra le persone che hanno ottenuto il mutuo, invece, una coppia con Intesa San Paolo ha ottenuto un rapporto rata/reddito fino al 35% con redditi cointestati. Diversamente, c’è anche chi è riuscito ad ottenere un importo più elevato nonostante il basso reddito con un’agevolazione sul tasso richiedendo un mutuo green.

Come aumentare l’importo del mutuo con stipendio basso?

In conclusione all’articolo, lasciamo alcuni consigli per ottenere il massimo dell’importo dal mutuo con uno stipendio da mille euro.

  1. Maggiore durata del mutuo.
    Aumentando la durata del mutuo, hai la possibilità di estendere il numero delle rate; il che ti consentirebbe di raggiungere un importo maggiore, sebbene le rate siano basse. In questo senso, gioca un po’ con il simulatore e opta per le banche che consentono mutui da 30 anni.
  2. Ridurre il tasso d’interesse.
    Un’altra soluzione è quella di optare per un tasso d’interesse più basso. In questo senso, ci sono due strade da percorrere. In primis, tenersi su mutui erogati all’80% del LTV o meno; questo perché meno è la percentuale, e minori sono gli interessi. Tuttavia, in questo caso bisogna considerare che la percentuale restante corrisponderebbe all’anticipo da dare alla banca. L’altra alternativa è quella di richiedere un Mutuo Green. I mutui a minor impatto ambientale presentano infatti tassi d’interesse agevolati.
  1. Presenza di un garante.
    Inserire una persona che garantisca il finanziamento potrebbe incrementare l’importo del mutuo. Infatti, la presenza di un garante o fideiussore può fare la differenza in tutti quei casi di reddito insufficiente o particolarmente basso, purché la persona che fa da garanzia abbia un patrimonio dimostrabile.
  2. Fare un mutuo cointestato.
    Inserire un cointestatario nel contratto di mutuo consente di poter richiedere una cifra sicuramente maggiore, considerando il reddito di due coobbligati nel contratto. Puoi leggere di più sul nostro articolo sul mutuo cointestato.
  1. Estinzione di altri finanziamenti accesi.
    Sembra banale, ma oggigiorno è normale acquistare qualsiasi cosa con la comodità delle rate. Tuttavia, se ci sono diversi finanziamenti accesi e nel mentre si richiede il mutuo si rischia di abbassarne notevolmente il massimale. Dunque, è consigliabile estinguere prima i finanziamenti e poi pensare all’acquisto di casa.

Ricordiamoci sempre di una cosa: sebbene si possano cercare delle strategie per aumentare l’importo del mutuo così da comprare la casa che ci piace, non dobbiamo complicarci la vita. Un mutuo è una grande quanto soddisfacente responsabilità, e sovraccaricare le nostre spalle con pagamenti al di sopra della nostra portata non è una cosa saggia, e a lungo andare potrebbe comportare dei rischi. Innanzitutto, il malessere personale e il vedersi costretti a rinunciare a tante cose che amiamo; secondo poi, rimetterci economicamente. Ad esempio, se dovessimo finire in stato di insolvenza, potremmo rischiare di vederci pignorare l’immobile. È chiaro, si tratta di un caso limite; ma durante la scelta di un mutuo con una busta paga da 1000 euro è bene considerare la questione a 360°. E se l’immobile dei nostri sogni è troppo oneroso, proviamo a vedere se c’è la fuori una casa che possa piacerci lo stesso ma che di fatto risulta più accessibile.


E su quest’ultima considerazione termina qui l’articolo sul mutuo con busta paga da 1000 euro, sperando di avervi fornito tutte le informazioni che cercavate e che soprattuto possiate trovare il giusto compromesso tra immobile e offerta bancaria. Noi di Simulatori Mutuo restiamo a disposizione per qualsiasi dubbio o necessità, e invitiamo tutti i lettori che hanno avuto o stanno avendo esperienza di questa situazione a condividere il proprio punto di vista con un commento sotto all’articolo. A presto!

Condividi questo articolo:

Mutuo con busta paga da 1000 euro: simulazione, rata e massimale

kiron mutui