Polizza incendio mutuo: preventivi e costo assicurazione scoppio

Tutte le informazioni sulla polizza scoppio e incendio

Finalmente è arrivato il momento di firmare il contratto di mutuo e diventare proprietario di un immobile. Dopo lunghe e puntigliose ricerche, ecco giunto tra le mani il preventivo di mutuo che più fa al proprio caso e che sembrerebbe apportare vantaggi sul lungo tempo. Ma non si può parlare di mutuo senza prendere in considerazione le coperture che assicurano il finanziamento.

Molto spesso la polizza incendio mutuo resta ai margini del contratto, perché considerato un accessorio del finanziamento e perché, in fondo, non è quella cosa su cui l’occhio di un papabile proprietario cade di primo colpo. Ovviamente, sono i tassi d’interesse ad attirare tutta l’attenzione su di sé, ed è per questo che oggi ritaglieremo un piccolo spazio all’assicurazione scoppio incendio, la copertura che tutela immobile e proprietario in caso di imprevisti. 

Già, perché talvolta è così dura riuscire ad ottenere casa, che ci viene difficile immaginare che certi incidenti possano verificarsi nella propria. Ma una bombola del gas, un corto circuito, un incendio o un’esplosione sono imprevedibili e potrebbero compromettere il sogno di casa e soprattutto mettere al repentaglio il debito bancario, oltre che la vita stessa. Ecco perché la polizza scoppio e incendio non può restare un semplice accessorio, ma è una copertura fondamentale per le nostre case e che, qualora si verificasse un incidente, risarcirebbe i danni.

Dunque, con l’articolo di oggi andremo a raccogliere tutte le informazioni inerenti alla polizza incendio sul mutuo: cosa copre, quando o se è obbligatoria sottoscriverla e soprattutto quanto costa l’assicurazione scoppio e incendio per casa.

Quando è obbligatoria?

La polizza scoppio e incendio è l’unica assicurazione obbligatoria per legge quando si sottoscrive un mutuo per l’acquisto di casa. Infatti, se tutte le altri assicurazioni sono facoltative per il mutuatario, quella che copre sinistri derivanti da esplosioni o incendi va abbinata all’accensione del mutuo.

Il principio che governa la sottoscrizione della polizza incendio sul mutuo è la seguente: le banche erogano il mutuo solo se coperto da questa assicurazione. In fondo, bisogna considerare che gli istituti del credito hanno come garanzia di rimborso l’immobile stesso, e se questo dovesse danneggiarsi in maniera irreparabile – come nel caso di un incendio o di esplosione -, perderebbero la garanzia. Per questo è impossibile ottenere un mutuo ipotecario senza un’assicurazione scoppio e incendio. Ma non è solo la banca ad ottenere maggiore sicurezza, se si pensa alla convenienza che tale copertura garantirebbe al proprietario: grazie alla polizza, qualora si verificasse un incidente domestico, il mutuatario otterrebbe un risarcimento senza dover pagare le rate del mutuo.

Ma è doveroso fare qui una precisazione: è obbligatorio farla, ma non necessariamente con la banca dove si accende il mutuo. Come per tutte le altre polizze, il mutuatario può scegliere nel mondo delle assicurazioni la copertura che più preferisce e che, ovviamente, rispetti i termini prestabiliti dalla banca.

Detto questo, ci sono diversi modi per stipulare una polizza assicurativa. Si può abbinare il proprio mutuo con un’assicurazione offerta dalla banca, a pagamento o gratuita, oppure con una copertura di compagnie assicurative terze; infine, si può pagare il premio assicurativo includendo una percentuale nel Taeg.

A cosa serve e quali incidenti assicura la polizza?

Qualora si verificasse un incidente in casa, l’assicurazione scoppio e incendio risarcirebbe i danni. È dunque evidente che tale polizza non solo è necessaria a chi fa credito, ma è altresì necessaria per chi è in debito con la banca. La copertura, infatti, garantirebbe al mutuatario di provvedere al ripristino dell’immobile in caso di sinistro, senza intaccare il debito. Ma come funziona?

Innanzitutto, bisogna considerare che ogni qual volta si verifichi un sinistro vi sarà un perito a vagliare un’attenta analisi circa le cause dell’incidente. Questo perché, come si può dedurre, un’assicurazione copre un incidente purché sia fortuito. Infatti, qualora in fase di perizia venisse fuori che la perdita di gas oppure delle fiamme, ad esempio, siano state causate da qualcuno, volontariamente o no, la polizza non coprirebbe il sinistro. Ne consegue che la polizza scoppio incendio non copre negligenza o errori di disattenzione, come ad esempio lasciare un fornello incustodito oppure una sigaretta accesa. 

Generalmente, la polizza scoppio e incendio assicura un valore pari alla liquidità necessaria per ricostruire l’immobile qualora si verificasse un incendio o un’esplosione. Tale risarcimento danni viene determinato dalla banca o dalla compagnia assicurativa in base ad un massimale previsto in sede contrattuale oppure in base al valore commerciale dell’immobile. Ad ogni modo, il valore del premio viene stabilito in fase preliminare e non è possibile risarcire oltre quella soglia. 

Ma cosa copre questa polizza? A grandi linee, un’assicurazione scoppio incendio potrebbe coprire danni dovuti a:

  • incendio parziale o totale;
  • esplosione di un impianto domestico.
  • perdita di gas;
  • fulmini, crolli o eventi atmosferici;
  • scariche, cortocircuito e altri fenomeni elettrici;
  • caduta di aeromobili.

Ricordiamo al lettore, che ogni assicurazione ha poi le sue condizioni specifiche. Salvo casi eccezionali, infatti, questi elencati sono i danni “base” che una polizza coprirebbe in caso di sinistro. Ci sono poi compagnie assicurative che potrebbero coprire danni legati a terremoti, mareggiate oppure allo scoppio di guerre o incidenti nucleari. Queste particolari condizioni possono essere richiesta dal cliente e successivamente valutate da una compagnia assicurativa. Tuttavia, ciò su cui le assicurazioni non transigono è il “dolo o colpa grave dell’assicurato”, ossia quei danni legati alla volontà, alla negligenza o altre cause riconducibili al proprietario.

Quanto costa?

Vediamo infine quanto costa la costa polizza incendio e scoppio casa. Generalmente, il costo di quest’assicurazione si aggira tra i 40-60 euro al mese. Il pagamento del premio, concordato in sede contrattuale, può avvenire in un’unica soluzione oppure annualmente, con o senza rateizzazione, a discrezione della policy bancaria o assicurativa.

Come abbiamo in parte accennato qualche riga fa, il costo della polizza incendio sul mutuo viene determinato da alcuni fattori, tra cui:

  • numero dei rischi coperti;
  • tipologia dell’immobile e costo;
  • Comune in cui è ubicato l’immobile;
  • durata del mutuo.

Ma ciò su cui un mutuatario dovrebbe porre l’attenzione sono i massimali e le franchigie. Nel primo caso, si tratta dell’importo massimo che l’assicurazione coprirebbe in caso di sinistro come risarcimento danni. Nel secondo, invece, si tratta di importi minimali legati a danni considerati lievi e sotto i quali l’assicurazione non risarcisce. Dunque, è importante leggere bene quale siano le condizioni della polizza, i massimali e la franchigia previsti!

Un ultimo suggerimento per il lettore: prima di sottoscrivere una polizza, ottieni diversi preventivi da compagnie assicurative e confrontali con quelle proposte dalla tua banca. L’unico modo per scoprire se la polizza incendio costa troppo, e per garantirti un reale risparmio, è quello dei preventivi. Soltanto con i numeri in mano, puoi calcolare qual è la migliore assicurazione sul mercato.


E su quest’ultimo consiglio, termina l’approfondimento dedicato alla polizza incendio mutuo, la copertura che ti garantisce un risarcimento danni in caso di incendio o scoppio fortuito in casa e che ti consentirebbe, qualora si verificasse tale sinistro, di non pagare le rate del mutuo per un periodo prestabilito.
“Scoppio e incendio” è la sezione basilare dei Danni ai Beni relativa alla Polizza Casa. Di fondamentale importanza, prima di prima di sottoscrivere una polizza incendio mutuo come questa, è leggere attentamente le condizioni del contratto. Abbiamo inoltre sottolineato l’importanza dei preventivi perché, come i nostri utenti sanno, ci teniamo particolarmente al loro risparmio, e seppur l’assicurazione scoppio incendio è obbligatoria, non è detto che non si possa risparmiare.
Le banche sono obbligate dalla legge a presenziare al proprio cliente diverse soluzioni assicurative. Per di più, il cliente stesso è libero di muoversi tra varie compagnie assicuratrici e scegliere una polizza autonomamente da presentare alla banca. E come abbiamo accennato, per scoprire se conviene più la polizza bancaria o assicurativa, bisogna confrontare i preventivi. 

Noi di simulatorimutuo vi salutiamo qui, lasciando come sempre aperto l’invito a contattarci privatamente per ogni dubbio o curiosità sui nostri argomenti o per richieste più specifiche. A tutti i nostri lettori, ricordiamo che possono sempre lasciare un commento sotto all’articolo per condividere un’esperienza personale sulla polizza incendio mutuo, perché raccontare un episodio o un proprio punto di vista può incrementare la conoscenza di tutti. A presto!

Condividi questo articolo:

Polizza incendio mutuo: preventivi e costo assicurazione scoppio

mutuo ipotecario per liquidità