Provvigione agenzia immobiliare: quando e quanto si paga?

Percentuale e provvigioni agenzie immobiliari per vendita o affitto

In un periodo “resiliente” come questo che stiamo vivendo il sentimento di indipendenza si rafforza, e torna ad accendersi quel bisogno di correre verso la libertà. E la casa è senz’altro il simbolo di chiunque abbia voglia e necessità di cominciare un nuovo capitolo. Oggi, dunque, potrebbe esser giunto il momento di mettersi alla ricerca di una nuova casa, ma non senza prima sapere a quanto ammonta la provvigione in agenzia immobiliare.

Abbiamo parlato spesso della ragione per cui sia conveniente consultare un’agenzia quando si compra o si affitta casa, anche se a disposizione abbiamo internet e lo smartphone, che certo ci corrono sempre in aiuto a semplificarci il lavoro che potremmo fare da soli. Ma lo semplificano tutto? Ad esempio, sulla base di una piccola percentuale, l’agenzia immobiliare gestisce l’intero aspetto giuridico legato all’acquisto o all’affitto di una casa. Inoltre, non va dimenticato accanto a tutto questo, che le provvigioni agenzie immobiliari sono spesso detraibili, e questo potrebbe suonare interessante, se si considera che la mediazione immobiliare sì, risparmia tempo e fatica, ma soprattutto sa orientarsi nel suo mercato con i giusti riferimenti, senza perdersi in cattivi affari.

Dunque, eccoci all’inizio di questo approfondimento che vuole essere un contributo per tutte quelle persone alla ricerca di un immobile da comprare o da prendere in affitto. Pertanto, andiamo subito a scoprire quant’è la provvigione agenzia immobiliare, quando pagare e se è prevista un’Iva per la mediazione.

Provvigione e commissioni dell’agenzia immobiliare in compravendita

Se abbiamo parlato del perché potrebbe essere conveniente rivolgersi ad un’agenzia immobiliare, è giusto concentrarsi da subito su eventuali costi e commissioni legati alla compravendita mediante agenzia. Difatti, il ruolo della mediazione immobiliare è piuttosto decisiva in fase di vendita o acquisto di una casa, considerando il lavoro nella sua totalità: da un lato abbiamo l’individuazione dell’immobile che necessariamente deve rispettare le esigenze del cliente, e di qui tutta la serie di appuntamenti e visite della casa. Ma dall’altro lato abbiamo aspetti un po’ più tecnici legati sia alla valutazione dell’immobile – verifica dell’abitabilità, vizi e quant’altro – sia alla compravendita in sé per sé, dunque pratiche contrattuali da un punto di vista prettamente legale. Dunque, andiamo a scoprire a quanto ammonta la provvigione dal momento che spetta pagare sia al venditore che all’acquirente.

Vendita immobile

Non appena un’agenzia immobiliare prende in mano un incarico, l’obiettivo è quello di valutare lo stato dell’immobile e piazzarlo nel mercato. Si tratta già di una prima indicazione sulla qualità della compravendita mediante agenzia, che da subito è chiamata a verificare l’abitabilità e l’eventuale presenza di vizi in casa. Infatti, il proprietario che si rivolge ad agenzia affida nelle mani del mediatore tutto l’aspetto legato alla valutazione; ed è sulla base di queste operazioni preliminari che vengono poi stimati prezzo di vendita e relative commissioni per l’agenzia immobiliare. Commissioni che, ovviamente, dovranno tenere conto anche di tutta la parte d’ufficio, ossia il lavoro tecnico-legale connesso alla redazione del contratto di vendita.
La percentuale destinata all’agenzia immobiliare si aggira attorno al 3% del valore dell’immobile, ma talvolta potrebbe addirittura essere nulla con solo recupero spese.  Questo, però, dipende dal tipo di compravendita e da alcuni aspetti che l’agenzia immobiliare deve rendere noti al proprietario di una casa dal momento che prende l’incarico.
In generale, quello che va considerato è che l’agenzia immobiliare cerca di chiudere un accordo tra proprietario e acquirente con una provvigione tra il 4 e 5% + Iva.

Acquisto immobile

Anche per chi è alla ricerca della propria casa spetta il compenso per l’agenzia che cerca per lui o per lei un immobile su misura. In maniera inversa, l’acquirente affida all’intermediazione il compito di ricercare una casa con caratteristiche e costi ben precisi e precedentemente discussi; dopodiché gli affida anche gli aspetti connessi alla verifica dell’immobile e alla redazione di un contratto di compravendita. Come accennato, la provvigione all’agenzia immobiliare è un obbligo da entrambe le parti, ma è la figura dell’acquirente a versare una percentuale maggiore. Dunque, anche per chi compra l’immobile è prevista la parcella che oscilla tra il 3, 4 o 5%. Per fare un esempio: se viene chiuso un affare per un immobile del valore di 200.000 euro, all’agenzia va corrisposta una parcella del 3%, che sarà dunque pari a 6.000 euro.

Ricordiamo che in caso di acquisto prima casa la provvigione dell’agenzia immobiliare può essere parzialmente detratta nella dichiarazione dei redditi .

Percentuale agenzia immobiliare: a quanto ammonta?

In Italia non esiste una regolamentazione sulla percentuale dell’agenzia immobiliare, ma piuttosto  vige il negoziato delle parti. Tuttavia ci sono delle coordinate di riferimento sul questo tema.
Secondo l’art.1755 del Codice civile, la retribuzione per l’agente immobiliare è da considerarsi effettiva quando la mediazione tra acquirente e venditore ha come risultato l’avvenuta compravendita.  In merito a tutto questo, la Corte di Cassazione ha fatto un po’ di chiarezza su quando bisogna pagare la provvigione per l’agenzia immobiliare. La sentenza 24950/16, infatti, afferma che l’obbligo di provvigione scatta quando l’agente immobiliare ha concretamente contribuito alla conclusione dell’affare, mettendo in contatto le parti.

Dunque, l’antecedente alla provvigione agenzia immobiliare non è più l’accordo scritto, ma l’attività di mediazione in favore dei contraenti. Ma a quanto ammontano le provvigioni per le agenzie immobiliari? Come al solito, non si può procedere con generalizzazioni, in quanto ogni agenzia lavora secondo un proprio tariffario e soprattutto ogni caso è da considerarsi se stante. Detto ciò, è possibile ponderare una media. Stando alle stime, la percentuale di un’agenzia immobiliare si calcola sul prezzo totale dell’immobile e si aggira attorno al 3-5% del valore della transazione + Iva.

La provvigione varia in base al prezzo dell’immobile. Generalmente si attua una percentuale del 3% per immobili da 450 mila euro minimo. Se il valore dell’immobile scende, sale la percentuale; dunque un immobile di 300 mila euro, ad esempio, potrebbe vedersi applicare un 4%. Mentre per immobili dal valore più basso come 100 mila euro,  molte agenzie ricorrono ad una tariffa fissa (ad esempio 5 mila euro).

Provvigione agenzia immobiliare per affitto

L’agenzia immobiliare fa da mediatrice tra le due parti che stabiliscono la locazione: colui che mette in affitto un immobile, il locatore o proprietario, e colui che usufruisce dell’immobile pagando un canone mensile, il locatario o affittuario.

Quando un affittuario si rivolge all’agenzia immobiliare, affida all’intermediazione la ricerca di un immobile su misura sulle proprie esigenze. Ne consegue che diventa compito del mediatore trovare diverse proposte convenienti, fissare gli appuntamenti ed occuparsi della parte legale e burocratica relativa al contratto. Sostanzialmente è questo che si va a corrispondere all’agenzia immobiliare tramite parcella.

Il ribadire costantemente le mansioni dell’agenzia immobiliare non è da considerarsi casuale, ma una specie di prassi. Infatti, è estremamente consigliato non solo di pattuire all’inizio la percentuale, ma anche di mettere nero su bianco gli incarichi di mediazione, in modo tale da rimanere tutelati ed evitare problemi lungo la fase di compravendita.

Tradotto in numeri, la provvigione dell’agenzia immobiliare per affitto si aggira attorno ad una mensilità + il 15% del canone annuo di locazione. Si tratta chiaramente di una stima, dal momento che ogni singolo caso è a se stante e che la provvigione dipende tantissimo dal mercato azionario di riferimento. 

Iva agenzia immobiliare: a quanto ammonta? è inclusa?

Come in ogni Stato membro dell’Unione Europea, anche in Italia esiste l’imposizione di una tassa sul plusvalore, determinato da un prodotto o servizio finito. Dal momento che l’attività di mediazione produce nuovo valore con il servizio offerto, quando ci si rivolge ad un’agenzia immobiliare bisogna mettere in conto anche l’Iva. E attualmente l’Iva per l’agenzia immobiliare corrisponde al 21% e va aggiunta alla provvigione, salvo specifici casi.


Sperando di aver fornito le informazioni che cercavate sulla provvigione agenzia immobiliare, termina qui il nostro approfondimento dedicato a quelli che sono i costi implicati dalla mediazione immobiliare. Le agenzie svolgono un ruolo cruciale nel territorio con la loro continua ricerca di immobili, tradotta poi in un servizio di compravendita più rapido e sicuro per tutti.
Sarebbe riduttivo dire che con un’agenzia immobiliare “si fa prima a trovare casa”, perché molto spesso gli aspetti più nodosi legati alla compravendita sono invisibili. Basta pensare alla verifica dell’immobile che determina l’agibilità di una casa e l’assenza di vizi, oppure alla redazione di un contratto che certo deve tenere conto di una conoscenza giuridica in merito. Ecco, dunque, spiegata l’utilità del servizio di mediazione offerto dalle agenzie immobiliari.
Le provvigioni che un acquirente o un venditore, così come anche entrambe le figure in un contratto di locazione, devono all’agenzia immobiliare è una percentuale sotto il 10% nel nostro Paese. Chiaramente, noi parliamo di agenzie immobiliari riconosciute e costituitesi sulla base di professionisti iscritti alla Camera di Commercio. Spesso, infatti, ci si chiede di fronte alla provvigione agenzia immobiliare: quando pagare? Beh, se il il mediatore non si rivela tale, ma anzi, si rivela inadempiente, imparziale o non iscritto, decade l’obbligo di provvigione.Ma questo è un caso particolare.
Ad ogni modo, una volta che il mediatore ha messo in contatto le parti generando il principio di una compravendita, entrambi venditore/proprietario e acquirente/affittuario sono tenuti a corrispondere una provvigione a cui va aggiunta l’Iva all’agenzia immobiliare.

Noi di simulatorimutuo vi salutiamo qui, lasciando come sempre spazio alle riflessioni sotto l’articolo per chiunque voglia lasciare un commento e alimentare il dibattito sulla provvigione per agente immobiliare. Ma qualora necessitaste di informazioni più specifiche, non esitate a contattarci sul nostro indirizzo email. A presto!

Condividi questo articolo:

Provvigione agenzia immobiliare: quando e quanto si paga?

mutuo ipotecario per liquidità